di Gennaro Gargiulo

Carmen Consoli al Petruzzelli: tra mare e sirene un concerto acustico tutto al femminile
BARI - Carmen Consoli, la "cantantessa" di Catania, è sbarcata (è proprio il caso di dirlo) giovedì sera al Petruzzelli di Bari. Perché è il mare il protagonista del suo tour acustico dal titolo appunto "Eco di Sirene". La scenografia del resto propone in mezzo al palco una struttura che ricorda una conchiglia aperta e i giochi di luce durante tutto lo spettacolo evocano onde e correnti marine.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

E al centro di tutto le “sirene”: le donne. Evocate nel nome dello spettacolo, nelle canzoni e nelle partecipazioni, visto che ad aprire il concerto ci ha pensato un’altra “femmina” siciliana:  la cantante Gabriella Grasso, che ha eseguito due brani in dialetto tratti dal recente album " Vussia cuscienza".Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Carmen, in gonna lunga color glicine e camicia verde metalizzato quasi fosforescente, parte subito dopo con quattro canzoni di fila accompagnata solo dalla sua chitarra. Ma non si tratta di esecuzioni “dolci”: "sulle rive di Morfeo" disegna armonie spesso in minore, "Fiori d'Arancio" vira verso il blues e "Perturbazione Atlantica" è quasi una canzone folk. La Consoli sfodera tutta la sua voce, inaspettatamente potente, e una matura padronanza delle varie chitarre che alterna a seconda del brano da eseguire.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


E poi ecco altre sirene: sul palco arrivano Emilia Belfiore al violino e Claudia Della Gatta al violoncello e in quel momento il repertorio si addolcisce, alternando classici come "L'ultimo bacio" a brani più recenti quali "Maria Catena".Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

La cantante a metà concerto spiega come la “sirena” sia anche sinonimo di allarme, di pericolo. Ed è questo il pretesto per lanciare pezzi come "Eco di Sirene" (che parla di guerra),  "Mio Zio" (dove viene denunciato un incesto), "Maria Catena" (con le vittime da calunnia), sino al delicato ricordo del padre morto in "Mandaci una cartolina" e alle rivisitazioni delle canzoni di denuncia sociale di Rosa Balestrieri.

In ogni caso le protagoniste dei brani sono sempre le donne, con le loro ansie, paure, energie e sogni. Sarà per questo che un pubblico in prevalenza femminile l'ha supportata con un tifo da stadio.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Peccato solo che un teatro come il Petruzzelli non abbia assicurato un'acustica perfetta nei settori più lontani dal palco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Gennaro Gargiulo
Scritto da
venerdì 31 marzo 2017
Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Via Fiume 18/20
70127 Bari (BA) - Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved