Letto: 1590 volte | Inserita: lunedì 3 dicembre 2012 | Visitatore: giorgio

Giocare con regolarità sempre nello stesso giorno della settimana, senza impegni extracampionato, sarebbe sicuramente più facile in relazione alla preparazione di un programma di allenamento. Nel calcio moderno, però, anticipi, posticipi e partite in orari diversi sono diventati una conseuetudine.

In considerazione di ciò tutta la programmazione, non solo atletica ma anche alimentare e di riposo, è in funzione di questi impegni “irregolari “. È evidente che il preparatore atletico, in sinergia con tutto lo staff tecnico e medico, debba programmare nel minimo dettaglio dei cicli e dei macrocicli di allenamento calibrando attività/riposo/alimentazione fra loro.

Nello specifico, vista la vicinanza di molti incontri, l‘aspetto atletico viene “centellinato“ per evitare l‘ affaticamento e consentire quindi maggiore “freschezza“ nella prestazione dell'atleta.

Risponde

DUCCIO CURIONE - Preparatore atletico del Monopoli 1966, insegnante di Scienze Motorie ed ex responsabile area fisico-motoria del Bari calcio.

FAI UNA DOMANDA

Nome
Codice di controllo
Commento
Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Via Fiume 18/20
70127 Bari (BA) - Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved