di Carlo Maurantonio

Bari: tra droni, parkour e writers, viaggio nella spettrale casa di cura Santa Lucia
BARI - Una struttura abbandonata da ben 23 anni, diventata nel corso del tempo rifugio per senzatetto, writers e ragazzini che giocano pericolosamente tra i suoi resti. Quella di cui parliamo è la gigantesca casa di cura Santa Lucia di Bari, o meglio di quella che secondo i progetti sarebbe dovuta diventare una clinica. Nel 1995 infatti a fermare la sua costruzione fu l'Operazione Speranza: l’inchiesta su Francesco Cavallari, “re mida” della sanità privata, il cui iter processuale non è ancora terminato. Uno stallo che di fatto ha consegnato il colosso alla grande mappa dei 189 edifici in disuso del capoluogo pugliese.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

L’edificio “fantasma” si trova sulla provinciale 80, di fatto il prolungamento di via Fanelli che conduce fino a Valenzano. Superata la  "zona delle casermette" e l’incrocio semaforico con via Conte Giusso che porta nel centro abitato di Mungivacca, scorgiamo la casa di cura sulla sinistra, fronteggiata dall'altra parte della strada dagli "storici" campetti di calcio del Green Park.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Entrarvi non è per nulla difficile: uno dei pannelli in ferro che ne rivestono il perimetro è stato abbattuto, rendendo quindi inutile la chiusura del cancello rossiccio principale. Oltrepassiamo questo ingresso improvvisato ritrovandoci così davanti alla struttura, che si erge in tutta la sua possenza. Sviluppata su sei livelli (di cui uno interrato), è composta da un corpo centrale e due ali laterali adiacenti che delineano una chiara forma ad "H". (Vedi foto galleria)

Nell'atrio incontriamo immediatamente due giovani: indossano una visiera e maneggiano un telecomando per far volare i loro droni. «Attraverso le "maschere" osserviamo in tempo reale le traiettorie dei nostri aeromobili - spiegano i ragazzi -. Sappiamo che in quest'area spesso c'è qualcuno che pratica parkour: noi però preferiamo limitarci a far svolazzare i nostri velivoli».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Salutiamo i due "intrusi" e salendo alcuni scalini giungiamo al primo piano. Lo scenario è spettrale: all'assenza totale di pareti esterne si aggiungono file di colonne rese meno grigie dai disegni dei writers, segno che la presenza umana qui è tutt'altro che occasionale. Bisogna stare attenti a dove si mettono i piedi, visto che tra i detriti si aprono vere e proprie voragini. Da una di esse scorgiamo un'enorme matassa di fili gettata nel piano interrato da chissà quanto tempo. (Vedi video)


Scarpiniamo lungo un corridoio in penombra e approdiamo nei pressi della rampa sprovvista di balaustra che porta al secondo piano: siamo ormai nell'ala destra dell'ospedale. Saliamo con molta accortezza e  arriviamo in un altro grande ambiente in preda all'abbandono totale. Il pavimento è disseminato da fasci di tubazioni rimasti incompleti, mentre i muri in mattoni rossicci risultano squarciati in diversi punti. In uno dei corridoi spicca una condotta dell'aria caduta rovinosamente dal soffitto.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Torniamo verso la rampa per avanzare al terzo piano, dove tra un tappeto di vetri rotti, chiodi, tubi di gomma e pezzi di intonaco balzano all'occhio delle bombolette spray usate.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

La nostra ascesa, ultilizzando delle scale che diventano sempre più ripide e pericolose, prosegue al piano successivo. Arrivati su capiamo di essere affacciati sul vuoto, senza protezioni. Decidiamo così di accedere al più “accogliente” quinto piano, composto da stanzette circolari rivestite da piastrelle bianche. Qui c'è persino un “salotto” caratterizzato da un televisore, un divano e dei mobili rosa: peccato che l'"arredamento" sia solo dipinto su un muro.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Scavalchiamo quindi un piccolo muretto per sbucare sul tetto della casa di cura. Siamo in pratica in una discarica a cielo aperto, vista l'impressionante quantità di rifiuti edili sversati senza troppi complimenti. Non ci resta ora che tornare alla base dell'edificio, non prima di aver evitato sul nostro cammino un vecchio carrello con le ruote forate.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Giunti al primo piano ci affacciamo sul “giardino” che circonda la clinica, puntellato da alberi di fico cresciuti liberamente nel corso degli anni. E qui ci imbattiamo in un ambiente dove trovano posto tre materassi e una poltrona: una spartana "camera da letto" allestita probabilmente da clochard. L’ennesimo segno del passaggio di quegli "invisibili" che ogni giorno si aggirano tra queste pericolosissime rovine, spezzando la quiete di un gigante abbandonato.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

(Vedi galleria fotografica di Antonio Caradonna)

Nel video (di Gianni de Bartolo) la nostra visita alla casa di cura Santa Lucia:


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Carlo Maurantonio
Scritto da
lunedì 30 aprile 2018
Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Via Fiume 18/20
70127 Bari (BA) - Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved