di Marianna Colasanto

L'Associazione nazionale tumori: «Poco considerati, ma restituiamo dignità alla vita»
BARI – «Con la nostra opera restituiamo dignità alla vita delle persone gravemente malate». Parola della 47enne oncologa Alessandra Provenzano: lei assieme ad altri quattro dottori, cinque infermieri e uno psicologo, fa parte dello staff della fondazione Ant (Associazione nazionale tumori) di Bari.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Si tratta del più grosso “erogatore” di cure palliative in Puglia, destinate a quei pazienti che pur non potendo guarire dal cancro, hanno diritto a trascorrere gli ultimi giorni della propria vita in maniera più confortevole possibile. Per questo vengono sottoposti a terapie e trattamenti utili perlomeno ad allieviare il dolore fisico e i sintomi correlati alla malattia.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Abbiamo incontrato la dottoressa Provenzano nella sede dell’Ant barese (anche sede regionale) di via De Amicis 45 (nella foto).Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

In che cosa consiste l’attività dell’Ant?

Operiamo nel credo dell’eubiosia, seguendo il concetto della dignità della vita dal primo all’ultimo respiro. Eroghiamo quindi cure palliative (dal latino pallium, mantello che protegge), che aiutano il paziente a sopportare il dolore. Farmaci che possono essere somministrati anche tra le mura domestiche, secondo il principio dell’ospedale domiciliare.  

Ovvero?

È l’ospedale che va a casa del paziente e non il contrario, con il vantaggio di poter essere curato avendo affianco i propri affetti. Molto spesso quando entriamo per la prima volta nell’abitazione di un malato troviamo situazioni disastrose, sfilacciate: cerchiamo quindi di recuperare la trama di un tessuto, “ricucendolo”. Per questo motivo oltre alle medicine è importantissimo il supporto psicologico al paziente e alla famiglia, i cui membri vengono guidati negli aspetti etici, religiosi e clinici. Perché dirsi addio è difficile.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ma nelle strutture ospedaliere non sono previste le cure palliative?

Purtroppo questo tipo di cura non fa parte della cultura medica. Basti pensare che solo qualche giorno fa il  pallium è stato integrato negli insegnamenti delle facoltà di Medicina e Chirurgia, anche se solo come tirocinio. Prima il professionista che voleva specializzarsi in questa branca lo faceva in modo individuale, magari seguendo dei master specifici. Di fatto la mentalità del palliare non esiste, perché i dottori sono formati secondo il concetto della “vita per sempre”, del salvare sempre e comunque. Ma alcune volte si sfocia nell’accanimento terapeutico, quando invece bisognerebbe solo pensare al benessere psicologico dei pazienti. Probabilmente per gli oncologi è difficile ammettere il “limite del proprio fare”. Di conseguenza siamo poco considerati: spesso le strutture ospedaliere nemmeno segnalano la presenza di realtà come la nostra, che agiscono più che altro grazie al passaparola tra conoscenti.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


A Bari da quanto tempo siete attivi?

Dal 2001. La fondazione nasce però a livello nazionale nel 1978 grazie all’idea avanguardistica di Franco Pannuti, oncologo dell’ospedale Sant’Orsola di Bologna. Oggi in tutta Italia aiutiamo più di 16mile persone, di cui 3mila sono pugliesi.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Come vi finanziate?

I pazienti chiaramente non pagano nulla. I fondi arrivano dalla Regione e dal Sistema sanitario nazionale, che solo nel 2015 ha riconosciuto l’importanza del nostro servizio. Prima tutte le entrate erano il frutto di donazioni di privati (ad esempio attraverso il 5x1000), che a onor del vero ancora oggi rappresentano la fetta più importante dei finanziamenti.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Riuscite in questo modo a coprire tutto il territorio pugliese?

No, restano fuori dalla nostra area d’intervento paesi come Altamura e Gravina. Al Sud purtroppo le donazioni sono più carenti rispetto al Nord.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

La vostra sede è piena di lettere di ringraziamento per ciò che fate…

Sì, sono in tanti coloro che ci fanno sentire importanti. Vi voglio raccontare un aneddoto. C’era una paziente che era stata bollata come “condannata a morte”, non più salvabile. Noi però tramite le cure palliative siamo riusciti perlomeno a farla sentire meglio. Così lei ha deciso di ringraziarci donandoci una Madonna ricamata con l’uncinetto. Ha ripreso così l’ago in mano, ha lavorato e ha creato. E per un attimo è stata ancora vita.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Qui il sito internet dell’Ant

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Marianna Colasanto
Scritto da
martedì 13 febbraio 2018
Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Via Fiume 18/20
70127 Bari (BA) - Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved