di Antonio Bizzarro

Bari, spopola lo yoga all’aperto: «Ma attenti a teppistelli e guardoni»
BARI - Giocare lunghe partite a carte, sfruttare il vento per il kitesurf, ballare fino a notte fonda e naturalmente farsi un bel bagno. Sono tanti i modi con cui i baresi si godono il litorale sud della città, ma con l'arrivo della bella stagione se ne aggiunge uno particolarmente rilassante: è la pratica dello yoga all'aperto (vedi foto galleria). Viene effettuata al tramonto sotto la guida di esperti maestri, che arricchiscono gli esercizi sfruttando la tranquillità che la vicinanza del mare riesce a infondere. Anche se c’è sempre qualche teppistello e “guardone” che rischia di rovinare l’atmosfera creatasi.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Il primo gruppetto di habituè lo troviamo sul prato di Parco Perotti, sul lato est, dove l'ombra si allunga più tardi. Sono sei ragazzi agli "ordini" di Valentina Gasparro, istruttrice di Hatha yoga, il tipo più diffuso in Occidente.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Inizialmente abbiamo fatto una prova nel parco Don Tonino Bello, a Poggiofranco – ci dice Valentina -. Ma è stata un'esperienza deludente: alcuni bulletti hanno cominciato a deriderci e uno di loro ha lanciato una pigna sulla schiena di una nostra ragazza, per poi far esplodere un petardo nelle vicinanze. Dopo questo episodio abbiamo deciso di spostarci qui, dove per ora abbiamo trovato il giusto silenzio, anche se è triste pensare che nelle aree verdi pubbliche queste attività siano ancora così "difficili" da accettare».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Per l'occasione ci uniamo alla lezione che sta per prendere il via. Muniti di tappetini i praticanti assumono diverse posizioni suggerite dall’insegnante, le cosiddette "asana": si tratta di una serie di posture che secondo la filosofia orientale produrrebbero notevoli benefici psicofisici. Rivolti verso il sole che ormai lambisce l'orizzonte, partiamo con quella più classica, rimanendo cioè seduti con le gambe incrociate e le braccia larghe poggiate sulle ginocchia. Gradualmente cambiamo asana allungando le braccia verso l'alto e affrontiamo movimenti sempre più impegnativi.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Tra questi vi è la Adho mukha svanasana, la posizione del cane che guarda in giù: in effetti si realizza mettendosi "a quattro zampe", reggendosi cioè su mani e piedi fino a formare col corpo una specie di triangolo. Si tratta di un esercizio che fortifica gli arti e la schiena. Particolare è anche la Bhujangasana, la postura del cobra, con cui ci si distende proni sulla pancia e si alza il busto facendo leva sulle mani: in parole povere ci si protrae verso l'alto proprio come fa il temibile serpente, il tutto per combattere i dolori della colonna vertebrale.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Finita la pratica salutiamo i giovani di Valentina e ci avviamo verso la spiaggia di Pane e Pomodoro. Qui incontriamo un manipolo di signore alle prese con il pilates, un insieme di esercizi motori eleborato all’inizio del 900 sulla base di antiche discipline orientali. «È un modo salutare, sportivo e dinamico di vivere il mare», evidenzia sorridente la maestra Silvana. Le sue allieve la pensano allo stesso modo. «Fare yoga in un luogo come questo ti "coinvolge" i sensi», afferma per esempio Rossella.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Su un pontile della spiaggia, a una manciata di metri dalle onde che si infrangono sulla battigia, avvistiamo un altro piccolo raduno di praticanti. Sono sorvegliati dalla 34enne Antonella De Palo e dal suo fedele cane Banzi. «Il gruppo si chiama "Yoga senza fissa dimora" - ci dice l'insegnante - e in estate si ritrova in questo angolo di pace».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Anche lei ha ben presente i problemi che possono sorgere uscendo dai soliti posti al chiuso. «Bisogna sempre stare attenti a evitare i disturbatori che rovinano la concentrazione - sottolinea Antonella - ragazzini che possono schernirci, ma anche adulti che ci guardano in modo malizioso per via delle pose "accattivanti" richieste da alcune attività».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Salutiamo l’insegnante e ci spostiamo ora verso sud, sulla spiaggia di Torre Quetta. Anche quest'area è un punto di riferimento per gli "irriducibili" della meditazione "outdoor": c'è chi si dispone sulla pedana di cemento bagnata dall'acqua e chi sfrutta lo spazio antistante il campo da basket.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Scambiamo due chiacchiere con Davide Ghiottone, pioniere dello yoga all'aperto a Bari. «Ho cominciato a farlo nel 1989 e da allora non mi sono più fermato - racconta l'esperto -. Ogni località era buona per "evadere" dal chiuso: la Foresta Umbra, la Foresta Mercadante e persino il "boschetto delle fate". Vengo a Torre e Quetta anche d'inverno, la mattina presto: è il modo migliore per entrare in simbiosi con la natura, il sole, il mare, la luce e tutto ciò che respira».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Davide riesce a trovare anche un lato positivo nella invadente curiosità dei passanti. «Capita che alcuni ti guardino con strafottenza pensando che tu stia per fare qualche numero da circo - ammette -. C'è da dire però che in tanti si sono avvicinati al nostro mondo proprio osservandoci per caso in luoghi pubblici».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ci congediamo da Davide e rientriamo verso il centro cittadino. Su una palazzina del lungomare, in piazza Diaz, notiamo "#eastwest", l'enorme murales realizzato dall'artista di strada Maupal che raffigura San Nicola in una posizione a noi ora familiare: quella del cobra. Ma nonostante l’invito del suo Patrono, forse Bari non è ancora pronta per accogliere queste “strane” pratiche.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

(Vedi galleria fotografica di Gennaro Gargiulo)

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Antonio Bizzarro
Scritto da
lunedì 17 luglio 2017
Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Via Fiume 18/20
70127 Bari (BA) - Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved